Go to Top

Voci e racconti dal campo permanente

Vi propongo un bellissimo pensiero di una volontaria di Mantova, che ci ha scritto di ritorno dalla sua prima esperienza a Gornja nel campo permanente.

A questo castello. Una fortezza denominata “il castello degli orrori”. Un luogo sperduto in mezzo alle colline che tanto spaventa, terrorizza i nuovi visitatori, o coloro che non ne conoscono realmente le mura. A questo castello, che come tale, si sa, racchiude in sé tanti tesori, tesori rari, dal valore inestimabile, che solo dopo aver varcato quella porta verde, puoi scoprire. Eh si, la paura che suscita questo posto è davvero tanta, ma posso assicurarvi che è un sentimento passeggero, infondato: quello che nascondano veramente queste mura è solo Amore. E che paura può fare l amore? Un amore incondizionato, poiché puoi avere mille difetti, insicurezze, mancanze, ma chiunque tu sia sarai assolutamente amato per quello che sei. È una fortezza che ti incatena il cuore e ti fortifica. 
A questo castello, che una volta entrati ti fa dimenticare tutto quello che non conta, che ti fa sentire vivo, vivo per davvero.
A questo castello, che tanto terrorizza all’idea di addentrarsi. Alla fine però, l’unica paura che resta davvero, è quella di lasciarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *