Go to Top

Inaugurazione della Strada dei mattoni a Bistra: saluto di don Ermanno

Un caro saluto a tutti i presenti al Direttore Mittermayer che oggi ci ospita per questo momento di festa , alle autorità civili e religiose, ai volontari, agli amici e ai benefattori.
Grazie per essere oggi qui presenti a condividere questo momento di festa che vogliamo dedicare all’inaugurazione di quella che chiameremo “la strada dei mattoni”. La abbiamo percorsa insieme e con gli occhi abbiamo letto tutti i nomi di coloro che hanno generosamente contribuito con la loro offerta a realizzare la nostra Casa delle Rose , il Centro di formazione al volontariato internazionale .
In questi tre anni , da quando l’11 febbraio 2016 abbiamo acquistato il terreno ed abbiamo dato il via ai faticosi lavori , ho assistito ad una vera staffetta di solidarietà ed è bello e significativo che la maggior parte dei mattoni sono stati offerti da persone umili, addirittura qualche convento di clausura e da giovanissimi volontari , senza grandi possibilità che hanno voluto donare un mattone per ricordare un loro caro o per celebrare un evento o una data significativa . Tra i tanti un giovane italiano non ha voluto rettali per la sua festa di diciotto anni e all ingresso della discoteca ha allestito un grande salvadanaio facendosi così testimoni con i coetanei che il vero modo di essere felici è quello di donare la felicità agli altri . Le offerte dei mattoni sono arrivati non solo da diversi paesi europei ma anche da altri stati connotando realmente come internazionale il Centro che abbiamo realizzato.
Abbiamo speso ad oggi oltre 180000 euro; abbiamo almeno 15000 euro di debiti , per entrare in casa, però,manca ancora qualche importante lavoro all’esterno della casa ma come sempre confidiamo nella provvidenza e perché no, magari in qualche donazione importante . Effettivamente mi sarei aspettato una donazione da qualche ente importante , statale o ecclesiastico, italiano o croato ,anche come segno di gratitudine ed affetto per questa nostra presenza che in questo paese dura da oltre 20 anni e conta già 10800 presenze di volontari….
Una storia unica al mondo che ha reso Gornja Bistra il simbolo del volontariato internazionale.
A tal proposito vorrei esprimere la
Mia gratitudine al sindaco Gulic perché ogni volta che ero disperato e preoccupato mi ha ascoltato ed ha fatto il possibile per aiutarci e risolvere i nostri problemi.
E lui che ha realizzato il parcheggio fuori la casa , e lui che ci ha fatto conoscere juras che ha gratuitamente diretto i lavori ed e lui che ha realizzato la strada dei mattoni…a lui ci lega una amicizia storica sin da quando nel 2003 la cittadina di Arnara , dove ero parroco , è stata gemellata con bistra . Ed è bello che oggici siano anche delle persone di Arnara !

Un grazie di cuore va a juras che ha diretto i lavori, alla ditta ….. che ci ha donato il tetto e a filip kelava che gratuitamente ha progettato la nostra bella casa .
Io penso che al di là di tutto il bene che i volontari fanno , rimettendoci tanti soldi per il viaggio, il frutto più bello della nostra presenza e’ questo sentirsi cittadini del mondo , stringere intensi vincoli di amicizia ed essere stati gli apri pista per la nascita del volontariato in Croazia . Già nel 2013 il giardino delle Rose blu è sbocciato qui e auguriamoci che con L aiuto di tutti possa fortificarsi e diventare sempre più rigoglioso .
Il volontariato e’ il senso della vita ed esprime, pur nel rispetto di ogni credo e posizione , l’essenza evangelica del comandamento dell amore che ci spinge ad amare il prossimo come noi stessi .
Auguriamoci allora che questa bella storia continui ancora e diamo il via ad una seconda raccolta di mattoni perché in tanti in questi mesi ce lo avete chiesto affinché possiamo iniziare a sognare l’ampliamento della casa e la realizzazione della seconda parte prevista dal progetto che garantirebbe maggiori spazi nella zona giorno che , come vedrete , e’ un po’ stretta !

Don Ermanno D’Onofrio

, , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *